Contattaci per info sull'acquisto dei volumi: ad.6@hotmail.it
Iscriviti alla nostra mailing-list per rimanere aggiornato con le nostre iniziative.

Cos'è?

Questa immagine certifica l'aderenza della struttura del sito alle più avanzate specifiche del W3C, il consorzio che guida lo sviluppo del web.

Cos'è?

Questa immagine certifica l'aderenza della veste grafica del sito alle innovative specifiche dei CSS3 del W3C, il consorzio che guida lo sviluppo del web.

Da' uno sguardo alle presentazioni dei volumi in mostra!

Colloquium Internazionale "Donne e Bibbia nel Medioevo"

Napoli, 3-5 dicembre 2009

colloquium-internazionale-donne-e-bibbia-nel-medioevo colloquium-internazionale-donne-e-bibbia-nel-medioevo

Nella triplice cornice di alcuni dei più suggestivi esempi della Napoli monumentale hanno avuto luogo i Lavori del Colloquium Internazionale “Donne e Bibbia nel Medioevo (secoli XII-XV)”, tenutosi nei giorni 3-5 dicembre 2009.

Parte integrante del Progetto Internazionale “La Bibbia e le Donne. Collana di Esegesi, Cultura e Storia”, il Colloquium è stato aperto dalla presentazione ufficiale del primo volume della Collana, dedicato alla “Torah”. Hanno rivolto un saluto all'assemblea dei partecipanti, riuniti presso L’Istituto Superiore di Scienze Religiose "Donnaregina" i Proff. Nunzio D’Elia, e Giovanni Vitolo. Nel dare la parola ai Relatori, Adriana Valerio, organizzatrice del Colloquium e curatrice dell’edizione italiana del volume “La Torah”, ha riportato, con emozione, il saluto che Sua Eminenza il cardinale Crescenzio Sepe (posto, in questo articolo, nell'allegato) ha voluto indirizzare agli studiosi ed alle studiose convenuti a Napoli da quasi tutti i continenti. Ponderoso e minuziosamente articolato, il saluto del cardinal Sepe ha costituito la migliore delle aperture, considerato l’incoraggiamento rivolto dal Presule agli studiosi e alle studiose, affinché continuino ad impegnarsi nel lavoro di rilettura della Bibbia “in chiave di genere” sotto tutti gli aspetti: esegetico, teologico, testuale, ma anche artistico, storico ed archeologico. La presentazione è continuata con l’intervento del prof. Gaetano Castello, Docente di Antico Testamento, nonché Vice-Preside della Facoltà Teologica dell’Italia Meridionale “S. Tommaso d’Aquino”. Nel portare le proprie riflessioni scaturite dalla lettura del testo, il prof. Castello ha mostrato il proprio apprezzamento per un volume incentrato esclusivamente su ciò che costituisce il “cuore” della Bibbia ebraica – la Torah, appunto, ossia l’insieme delle leggi e delle prescrizioni contenute nei primi cinque libri dell’Antico Testamento - senza, tuttavia, esimersi dal rimarcare, in merito a taluni contributi presenti nel testo, eventuali mancanze o mancate possibilità di ulteriore approfondimento dei temi trattati.

Terminata la presentazione del volume, si è passati subito all’apertura dei Lavori del Colloquium “Donne e Bibbia nel Medioevo (secoli XII-XV)”. Prima a prendere la parola Paola Vitolo, Ricercatrice presso il Centro Universitario Cattolico di Roma, che ha condotto gli uditori lungo il percorso iconografico medioevale inerente la questione della parità uomo/donna all’atto della Creazione. Ha chiuso l’incontro Elisabeth Kari Børresen, la quale ha posto sul tappeto i problemi posti dal modo di “usare” la Bibbia lungo tutto il Medioevo, mettendo in risalto come, oltre alla Patristica, esista di fatto una“Matristica”, tradizione rappresentata dalle grandi figure femminili medioevali italiane e dell’Europa del Nord. La giornata del 4 dicembre ha visto le convegniste riunite, nella sessione mattutina, presso la Sede della “Fondazione P. Valerio per la Storia delle Donne”, di recente restaurata, splendido edificio costruito nel XV secolo per volontà di Alfonso d’Aragona. La sessione pomeridiana si è invece tenuta nel magnifico ambito del complesso monumentale di S. Lorenzo Maggiore. Sabato 5 dicembre, presso la Fondazione Valerio, sono state presentate le ultime relazioni, cui ha fatto seguito una approfondita discussione sui contributi stessii. Obiettivo del Colloquium era mettere a fuoco i margini entro cui operare per la redazione di quello che costituirà il terzo volume della Collana, volume dedicato, appunto, alla ricezione del testo biblico in “chiave di genere” in epoca medioevale. Curatrici del volume, oltre ad Adriana Valerio, la già citata Elisabeth Kari Børresen e Maria del Mar Graña Cid. A conclusione dei Lavori, in qualità di organizzatrice del Colloquium, nonché di Presidente della Fondazione Valerio, Adriana Valerio, da sempre impegnata sul versante della valorizzazione del contributo apportato dalle donne all’interno della Chiesa e della società, ha formulato i suoi auguri per la buona prosecuzione del progetto e per la miglior riuscita del volume dedicato alle Donne del Medioevo.

Torna a attività 2009

Fondazione Pasquale Valerio per la Storia delle Donne - Vico Luperano, 7 - 80135 - Napoli - NA - Italia
Tel: 081.5645451 - Fax: 081.4430930 - Email: info@fondazionevalerio.org